Cucina Tradizionale / Lombardia


LA CUCINA DELLA LOMBARDIA

In Lombardia ciascuna delle nove province fa capitolo a sé in quanto a tradizioni culinarie. Al minestrone, al risotto giallo, alla  trippa, alla casoeùla e al panettone di Milano, si contrappongono i pizzoccheri e la polenta taragna della Valtellina, la polenta e osei di Bergamo, i missoltitt del lago di Como, i tortelli di zucca mantovani, le rane in guazzetto di Pavia, i marubini di Cremona, i casonsei di Brescia, i bruscitt di Varese.

Il popolo lombardo viene comunemente e ingiustamente considerato troppo frettoloso per dedicarsi con impegno alla buona cucina, ma in effetti la tradizione gastronomica di questo popolo è tanto antica quanto prestigiosa. Alla povertà contadina di certi piatti lombardi quali la busecca, fanno contrasto pietanze ricche come il dindio ripieno di Natale.

A smentire l’accusa di disattenzione per la cucina bastano forse la cura e il tempo richiesti per preparare piatti quali il minestrone alla milanese e l’ossobuco. Lo stesso risotto alla milanese e l’universale costoletta richiedono forse poco tempo ma una cura e un’abilità notevoli perché riescano perfetti.