Zamia Zamioculcas pianta d’appartamento

Zamia ‘Zamioculcas’

Bella e semplice da gestire: è lei la vera regina della casa

(‘ZAMIOCULCAS ZAMIIFOLIA’)
LA ZAMIA E UNA DELLE PIÙ DIFFUSE piante d’appartamento: per la sua bellezza, certamente, ma anche per la sua estrema semplicità di coltivazione. Originaria della Tanzania, è una pianta sempreverde molto resistente e adattabile, dalle belle foglie carnose e lucide. Coltivata in maniera ottimale può fiorire in ogni periodo dell’anno (difficilmente in appartamento). Le sue infiorescenze sono simili a calle di color giallo-marrone.

da Passione Giardinaggio  A.MONDADORI

DA APPARTAMENTO
ANNAFFIATURA
ogni 7-10 giorni da marzo a ottobre; solo quando il terriccio è secco nei mesi rimanenti

TERRENO
suoli soffici e ben drenati: ottimo il terriccio per piante grasse

LUCE
molta luce, ma al riparo dai raggi diretti del sole

POSIZIONE
lontana dalle finestre o dai possibili spifferi

TEMPERATURA
sopporta bene le alte temperature, meglio non scendere sotto i 18 °C

Esistono una cinquantina di specie di zamia, simili all’incrocio tra una palma e una felce.

Le ‘Zamioculcas Zamiifolia’ hanno cespi di grossi fusti carnosi e foglie simili a scaglie che si sviluppano in una sorta di spirale. Crescono piuttosto lentamente, e i fusti raggiungono un’altezza di circa 40-60 cm.

La ‘Zamia Pumila’ di origine sudamericana, è invece un arbusto dal fusto corto che spesso si sviluppa sottoterra. Molto difficilmente fiorisce in vaso, ma ha delle belle foglie carnose, color verde brillante sulla parte superiore e rossastre in quella inferiore. Essendo velenosa, è meglio tenerla lontana da bambini e animali domestici.

La ‘Zamia Furfuracea’, originaria del Messico, ha un aspetto più selvatico; lunghi fusti (fino a 1 m) su cui si dispongono a rosetta le foglie, spesse e coriacee, gialle in tenera età e verdi brillanti in seguito. Predilige terreni sabbiosi e aridi e si propaga piuttosto facilmente dai semi, che sono rossi, ovoidali e spesso più grossi di 1 cm.

Cure particolari

Concime
In primavera- estate, una volta al mese, aggiungete all’annaffiatura una piccola quantità di fertilizzante per piante grasse, povero in azoto. Sospendete la concimazione nel periodo invernale.

Irrigazione
D’inverno irrorate la pianta con uno spruzzino. Lasciate asciugare il terreno tra un’annaffiatura e l’altra, per evitare i ristagni idrici.

Potatura
La zamia non necessita alcuna potatura: è sufficiente rimuovere con delicatezza le parti secche o danneggiate.

Terriccio
In sostituzione al terriccio per piante grasse, è possibile aggiungere a un normale terriccio una parte di sabbia e pietra pomice a granulometria fine.

I CONSIGLI DEGLI ESPERTI

La riproduzione della zamia avviene per talea di foglia: prelevate una foglia in autunno e interratela in posizione eretta in un composto di metà sabbia e metà torba. Nella primavera successiva, la radice carnosa che si svilupperà darà vita a una nuova pianta.

Cosa fare se …

LE RADICI MARCISCONO
• I marciumi radicali possono compromettere la vita stessa della pianta. Per non incorrere in questa malattia, evitate di irrigare la pianta troppo di frequente, accertandovi sempre che il
terreno sia secco prima di aggiungere nuovamente acqua.

LA PIANTA È ATTACCATA DALLA COCCINIGLIA

• Forse è dovuto a un’annaffiatura scarsa o al clima secco dell’appartamento.
D’inverno, non dimenticatevi di spruzzare la pianta prima che il terriccio diventi secco.
D’estate vaporizzate la chioma della pianta con acqua demineralizzata.

Follow me!